Archivi categoria: Aziende

Pulizie professionali Hotel a Torino e provincia

Il settore del turismo è strettamente legato a quelle che sono le recensioni dei clienti che hanno provato le strutture e che consigliano ad altri clienti un hotel piuttosto che un altro. Fra gli elementi che i clienti prendono in considerazione per dare un voto alle strutture alberghiere c’è sicuramente la pulizia, non solo delle stanze ma anche degli ambienti comuni. Per questo motivo è importante rivolgersi a specialisti del settore che sappiano effettuarle nel modo più accurato. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

In che cosa consiste il servizio di pulizie professionali in hotel a Torino e provincia

Un hotel o comunque una struttura ricettiva ha la necessità di mantenere sempre altissimi standard di pulizia, per garantire ai propri clienti il massimo comfort e condizioni igieniche idonee. Per questo motivo è indispensabile procedere ogni giorno ad una serie di attività che possano raggiungere questo obiettivo. Innanzitutto ogni giorno devono essere pulite le stanze, sia quelle occupate che quelle libere. Vanno cambiati i tessili, rifatti i letti, sanificate camera e bagno. Vanno poi effettuate operazioni di pulizia anche nelle parti comuni, con il lavaggio e la sanificazione delle pavimentazioni, qualunque sia il materiale; vanno lucidate tutte le parti di metallo e altri materiali di acciaio nella struttura e infine vanno lavati e igienizzati anche i vetri, le finestre e le vetrate di tutta la struttura alberghiera. Il tutto deve essere effettuato con prodotti detergenti giusti e macchinari indicati per una pulizia approfondita.

Perché sono importanti le pulizie professionali in hotel

Una struttura alberghiera è un ambiente nel quale si trovano a passare molte persone, non solo nelle stanze ma anche negli ambienti comuni. Per questo motivo occorre garantire un servizio di pulizia molto preciso e puntuale, che non sia solo indirizzato ad eliminare solo lo sporco più superficiale ed evidente ma deve lavorare in profondità, attivando un processo di sanificazione che possa garantire la totale eliminazione di batteri, acari, virus di ogni tipo, ma anche insetti, polvere e qualsiasi altro elemento possa costituire un pericolo per la salute degli ospiti. In qualsiasi località, infatti, l’offerta ricettiva è ormai molto ampia e ci sono molti alberghi, b&b e residence che si contendono i clienti a suon di offerte, anche grazie allo sfruttamento di portali di prenotazione dove chi è interessato può verificare tutte le particolarità della struttura nonché i giudizi dei clienti che in precedenza hanno usato la struttura. Ebbene, la pulizia è sempre uno degli argomenti più trattati nonché un elemento di valutazione che fa propendere la scelta per una o l’altra struttura. Diventa fondamentale, allora, soddisfare le esigenze del cliente in tal senso in modo perfetto, per migliorare il ranking della struttura e ottenere più clienti.

A chi rivolgersi per il servizio di pulizie professionali in hotel a Torino e provincia

Per le strutture alberghiere che si trovano a Torino e nella sua provincia c’è un solo nome che deve essere tenuto sempre a mente quando si parla di pulizia ed è quello dell’azienda Attiva – Servizi ambientali, un’azienda che da anni è impegnata con successo in questo campo. Da quando ha fatto il suo ingresso nel campo delle pulizie, Attiva si è specializzata nell’ambito delle pulizie alberghiere, che richiedono tecniche e prodotti molto diversi rispetto a quelle eseguite in altri ambienti di vita e di lavoro. Le pulizie alberghiere vengono realizzate nel pieno rispetto delle normative in materia ma anche della spendibilità del livello di pulizia che la struttura potrà vantare nei confronti dei propri clienti. Infine c’è il livello oggettivo di qualità della sanificazione, a prova di qualsiasi tampone batteriologico o analisi bioluminometrica per accertare i risultati ottenuti.

Quali sono i vantaggi di Attiva – Servizi ambientali

Attiva – Servizi ambientali rappresenta un punto di riferimento per le pulizie professionali in hotel a Torino e dintorni. Innanzitutto dispone di uno staff di veri e propri specialisti del settore, in grado di poter affrontare ogni tipo di attività, garantendo sempre la massima pulizia. Per la sanificazione degli ambienti vengono sempre utilizzati prodotti di qualità e che rispettano l’ambiente. Inoltre poche aziende del settore riescono a garantire un catalogo di servizi così ricco come la deodorazione con l’ozono, per garantire non solo la pulizia ma anche la profumazione degli ambienti. A richiesta l’azienda offre pure il servizio di lavanderia oppure quello di fornitura della linea di cortesia. L’azienda offre una consulenza personalizzata e servizi ad hoc pensati sulle esigenze del cliente: chiama subito l’ufficio commerciale e richiedi maggiori informazioni per le pulizie professionali in hotel a Torino e provincia.

L’utilità di una casetta in legno e riferimenti per acquistare

Estremamente pratiche e molto utili, le casette in legno, sono sempre più presenti nei nostri giardini. Prima di procedere all’acquisto, comunque, è buona norma capire quali sono le caratteristiche che una buona casetta in legno deve avere e quale tipo di casetta fa al caso nostro.

Ne esistono, infatti di tutti i tipi e dimensioni, su misura o prefabbricate, adatte ad ogni tipo di destinazione d’uso a seconda delle esigenze personali.

Prima ancora di procedere all’acquisto, quindi, è opportuno conoscere nel dettaglio quali sono tutte le varianti disponibili, nonché le caratteristiche tecniche e tutte le informazioni riguardanti la manutenzione e le tipologie.

In questo articolo cercheremo quindi di approfondire tutti gli aspetti riguardanti questo tipo di struttura la fine di chiarire quali siano le varie possibilità e le variabili sull’argomento, cercando di non tralasciare nessun dettaglio.

Tipologie di casette in legno

Come già accennato esistono varie tipologie di casette in legno, ognuna con le proprie caratteristiche:

Capanno per gli attrezzi

La casetta in legno classica è di piccole dimensioni, prefabbricata e destinata ad avere la funzione di ripostiglio esterno nel quale riporre gli attrezzi utili per la manutenzione del giardino. Questi piccoli box, se ben strutturati rappresentano una validissima soluzione che permette di disporre di uno spazio chiuso nel quale conservare attrezzi e oggetti vari che potrebbero essere pericolosi, ad esempio per i bambini. Questa tipologia di casetta, viste le ridotte dimensioni può essere posta anche su balconi o terrazzi, laddove lo spazio a disposizione lo permette.

Casetta in legno classica

Di dimensioni leggermente più grandi di un semplice capanno per gli attrezzi, questo tipo di casetta posso rappresentare un vero e proprio ambiente a se stante; non è raro che in questo particolare tipo di casetta vengano allestiti piccoli ambienti come laboratori o comunque piccoli spazi nei quali isolarsi per dedicarci in tranquillità a hobby o passioni. In alcuni casi, infine, sono usate come spazi dedicati ai bambini.

Piccoli bungalow

Questi prefabbricati hanno una metratura superiore ai 15 metri quadrati; grazie alle sue dimensioni, questi prefabbricati possono diventare vere e proprie stanze dotati di molti comfort. In questo tipo di casetta è possibile effettivamente installare una rete elettrica e dotti di piccoli bagni o angoli cottura quasi fossero vere dependance.

Come scegliere la casetta in legno giusta

La casetta in legno giusta deve essere scelta in base all’uso che si intende farne, considerando due fattori principali:

Dimensioni

In caso di spazi con necessità particolari c’è la possibilità, rivolgendosi,a ditte specializzate, di farsi costruire una casetta in legno su misura che rispetti esattamente le dimensioni e le caratteristiche di cui abbiamo bisogno; viceversa se lo spazio non è un problema, basterà scegliere tra le numerose casette prefabbricate in base all’uso che intendiamo farne.

La destinazione d’uso di questo tipo di spazio è fondamentale per poter scegliere la soluzione più adatta senza incorrere in inutili sprechi di spaio o , al contrario, in spazi troppo piccoli per le nostre esigenze.

Materiali e manutenzione

La caratteristica principale delle casette in legno è, senza dubbio, l’ecosostenibilità; trattandosi di un materiale completamente naturale, il loro eventuale smaltimento non avrà un impatto negativo ed inquinante sull’ambiente.

I materiali migliori per la realizzazione delle casette di legno sono l’abete e il pino sia a livello estetico che dal punto di vista funzionale.
Per quanto riguarda la manutenzione, le strutture di questo tipo non hanno bisogno di attenzioni particolari, se non del trattamento annuale con impregnante rivolto a prevenire i danni causati dalle intemperie e dall’esposizione ai raggi solari; questo trattamento permette di mantenere la struttura in perfette condizioni per un lungo periodo.

La normativa

prima ancora di acquistare una struttura di questo tipo è indispensabile essere informati su quali sono le normative ad essa riferite.

La necessità o meno di richiedere permessi particolari dipende, ovviamente, dalla dimensione del prefabbricato.
Le casette al di sotto dei 20 metri quadri non necessitano di permessi particolari; al contrario, le costruzioni più ampie richiedono regolare autorizzazione a costruire nonché l’intervento di personale qualificato sia in fase di progettazione che di costruzione.

Alcuni di questi servizi sono forniti direttamente dall’azienda costruttrice che saprà, in ogni caso guidarvi anche da questo punto di vista.

A chi rivolgersi

In materia di costruzioni, che siano di piccole o grandi dimensioni, su misura o prefabbricati, il fai da te non è mai la scelta più consigliata. Una struttura di questo tipo, infatti, necessità di esperienza per poter garantire una struttura solida e duratura, in linea con le nostre esigenze.

Una della ditte più qualificate per questo tipo di intervento è Case di Legno Lucan, la quale offre la possibilità di scegliere tra numerosissime soluzioni in questo campo, garantendo la massima serietà e un’assistemza continua e mirata durante tutte le fasi, dalla progettazione alla costruzione.

Investire in pubblicità online

Se siete una nuova azienda e avete bisogno di farvi conoscere, senza dubbio vi servirà della pubblicità.

È molto importante scegliere il modo più corretto e scegliere il giusto target di persone a cui ci si deve rivolgere.

Quale è l’errore più grande che si più fare se quando si è all’inizio?

L’errore più grande delle aziende che si vogliono far conoscere e quello di affidarsi alle persone errate, o per lo meno di non fare la pubblicità con il giusto target di persone.

Se si utilizzano dei buoni metodi di pubblicizzazione e si usano i giusti mezzi e le giuste parole sicuramente si avranno risultati migliori che delle pubblicità superficiali.

Girando nel web senza dubbio ci sono molte agenzie pubblicitarie, è consigliabile sempre verificare le recensioni e chiedere più preventivi.

In base a quello che si vuole pubblicizzare sicuramente il prezzo varierà e pure il metodo di comunicazione che si dovrà adottare. Sarà differente l’uno dall’altro.

Per fare della pubblicità online non serve spendere un patrimonio, ma serve il giusto messaggio per poter arrivare al cuore dell’utente finale.

Gli investimenti nelle pubblicità senza dubbio sono importantissimi, ma bisogna valutare tante cose tra cui il prezzo e a chi si rivolge.

Non è detto che una piccola agenzia che vi fa il prezzo minore sia meno brava o meno incisiva di una che ha un gran nome conosciuto. Spesso è volentieri chi ha meno nome lavora meglio degli altri.

Perché?

Perché hanno bisogno di farsi conoscere e mettono più impegno e molta più professionalità oltre che eseguono i lavori in tempi molto più brevi che le agenzie conosciute.

Dunque ricordatevi:

  • Target,
  • messaggio,
  • prezzo,
  • visibilità che vi propongono,

sono le cose che dovete valutare fin da subito. In base a questo potete valutare se vi state affidando alla persona giusta.

Chi investe in pubblicità sopratutto all’inizio deve stare molto attento perché i furbi sono sempre all’agguato e sono sempre pronti a farvi sognare quando invece la realtà è ben differente.

Il consiglio è di valutare tutto bene, e solo una volta aver chiesto vari preventivi accettare quello più vantaggioso sia in economia sei in visibilità. Senza dubbio dei buoni agganci con google, Instagram e tutte le piattaforme social aiutano a farvi conoscere al meglio.
Quando uno deve investire senza dubbio deve essere sicuro di ciò che fa e deve fidarsi delle persone a cui si affida per pubblicizzare il prodotto. Tutte queste cose sono molto importanti perché se c’è una buona intesa, sicuramente il messaggio alle persone finali arriverà meglio. È il vostro investimento in pubblicità online sarà un ottimo investimento e un’ottima possibilità di farsi conoscere, con il giusto target di persone e arrivare al giusto pubblico senza essere in dubbio sul giusto messaggio.

Legge Privacy sulla videosorveglianza per negozi, facciamo chiarezza

La sicurezza nella propria impresa, esercizio commerciale o negozio di quartiere, può essere compromessa da soggetti esterni che mirano a creare un danno all’imprenditore. Lo fanno attraverso furti o altri comportamenti lesivi non prevedibili.

Per questa ragione è necessario munirsi di un sistema di telecamere, detto sistema di videosorveglianza. Benché nel proprio negozio ci si senta un po’ padroni, le immagini che vengono acquisite da questi mezzi, però, sono soggette a stringenti limitazioni. Per far sì che tale impianto non venga sottoposto a sanzioni, è necessario conoscere al meglio la normativa in vigore e tutte le novità del GDPR.

Quando un commerciante decide di installare una telecamera nel suo negozio, non può venir meno al rispetto della privacy di chi lo frequenta, i consumatori e dipendenti. È bene sapere che l’immagine acquisita dal video risulta a tutti gli effetti un dato personale e per tale ragione, va sempre segnalato attraverso un’indicazione inequivocabile. Il garante della privacy, infatti, stabilisce che la persona debba essere rispettata anche quando questa si trova in luoghi pubblici.

Vediamo quali sono gli accorgimenti da adottare.

Come la tecnologia aiuta l’impresa

Un sistema di videosorveglianza è necessario sia se si tratta di una grande catena di negozi che di un piccolo esercizio di quartiere. La tecnologia aumenta il livello di sicurezza di un commerciante, mettendolo a riparo da piccoli furti e da atti criminosi.

L’introduzione del sistema di videosorveglianza, però, è importante anche per apportare migliorie nella gestione del cliente, per ottimizzare le operazioni di logistica nei negozi, verificare alcune criticità, scoprire atti di frode e ovviamente, prevenire i furti.

La procedura per installare sistemi di videosorveglianza

La procedura per l’installazione di un sistema di sicurezza prevede un iter ben preciso da rispettare da parte del negoziante. Lui, infatti, dovrà mantenere chiari i rapporti con il personale dipendente, i consumatori, e il garante.

In primo luogo bisogna comunicare all’ispettorato del lavoro la presenza di un sistema di ripresa a circuito chiuso. Deve essere stipulato un accordo specifico tra sindacato e azienda riguardo la presenza del sistema. Va ricordato anche che è vietato filmare a distanza i lavoratori. Ciò, però, è possibile farlo solo per motivi di sicurezza o esigenze di impresa, dove se ne tutela anche il patrimonio aziendale. Se vi sono casi sospetti è necessario richiedere ulteriori autorizzazioni specifiche.

I clienti devono sapere che in quel luogo sono installate delle telecamere. Per tale motivo si deve affiggere un cartello in un punto visibile dell’attività, a direzione della telecamera.

Le regole da rispettare riguardo ai posizionamenti, sono due. La prima è quella di non installare alcun dispositivo dove il cliente ha bisogno di riservatezza, come camerini e spogliatoi in genere. La seconda prevede che il titolare dell’esercizio deve sempre puntare le telecamere a direzione dei prodotti e scaffalature in vendita.

Ogni telecamera non deve avere un microfono. Non sono ammesse registrazioni di suoni e voci.

Le immagini registrate devono essere distrutte dopo ventiquattro ore. In alcuni casi specifici, però, il lasso di tempo relativo alla conservazione può essere aumentato, ciò avviene dopo aver ricevuto l’autorizzazione a procedere in tal senso. In ogni caso le immagini non possono essere tenute per più di sette giorni. Sono situazioni eccezionali, come rapine o richieste specifiche provenienti dall’autorità giudiziaria.

A visionare le immagini possono essere solo soggetti autorizzati dal titolare dell’esercizio e mai estranei o soggetti non muniti delle necessarie garanzie.

Misure tecniche e di sicurezza in accordo con il GDPR

Tutte le misure di sicurezza relative al sistema di videosorveglianza devono rispettare l’articolo 32. In tal caso tutti i rischi relativi alla dispersione delle immagini o accesso non autorizzato ai dati, si riducono notevolmente.

Il garante per la privacy, inoltre, stabilisce anche stringenti misure per il titolare. Sarà lui a chiarire i ruoli relativi alla sorveglianza e strumenti utilizzati per la conservazione delle immagini. Chi visiona in tempo reale le riprese deve dedicarsi esclusivamente a tale compito ed essere in possesso di tutte le credenziali relative a tale mansione.

Indennizzo per l’incidente stradale: ecco come richiederlo

Quando ci si imbatte in un incidente stradale, sono tante le difficoltà e i problemi che sorgono. Una di queste riguarda la tipologia di risarcimento che si può ottenere. Le tipologie di danni che si possono risarcire sono estremamente differenti e per non avere problemi di sorta si consiglia di rivolgersi a un’azienda seria e professionale che possa occuparsi proprio di fornire al cliente il risarcimento necessario. Difatti, è noto che rivolgendosi ai tecnici è possibile aumentare in modo considerevole la probabilità che si venga a tutti gli effetti risarciti in modo giusto ed equivalente al tipo di danno che è stato subito. Al giorno d’oggi sono davvero tanti i professionisti che si occupano di tutto ciò che concerne l’indennizzo per l’incidente stradale. Per scegliere la società di tecnici migliore bisogna innanzitutto valutare se viene richiesto di pagare qualche anticipo da parte del cliente. Nel caso in cui non ci fosse questo bisogno, si potrebbe avere un maggiore comfort in sede di sottoscrizione del contratto. Inoltre è importante che coloro che si occuperanno della richiesta del risarcimento siano dei veri e propri professionisti. Questo è molto importante, poiché grazie all’impegno degli esperti di questo settore si potrà a tutti gli effetti usufruire di un risarcimento congruo, senza il bisogno di spendere molto tempo in vari tribunali.

Ottenere l’indennizzo per l’incidente stradale: è molto difficile?

Dopo un incidente stradale è difficile ottenere un risarcimento danni, anche per via delle lunghe procedure burocratiche che spesso e volentieri rallentano tantissimo tutta la procedura. Eppure, se si possiede l’esperienza necessaria e si hanno delle conoscenze nel settore, il tutto sarà più semplice. Durante gli incidenti stradali bisogna comunque preoccuparsi di rispettare al 100% tutti i passaggi richiesti dalla Legge. Tra gli stessi, per esempio, bisogna ricordarsi di mettersi al sicuro al fine di non rischiare alcun potenziale danno. Oltre a questo, gli automobilisti devono anche chiamare l’ambulanza oppure le Forze dell’Ordine, qualora questo fosse necessario. Altresì, il luogo dell’incidente dev’essere fatto valutare agli esperti del campo affinché si possano accertare che l’incidente è realmente avvenuto nella maniera che è stata chiarificata. Accertarsi sul fatto che l’incidente è avvenuto in un particolare modo piuttosto che in un altro è importare al fine della successiva richiesta d’indennizzo. Spesso gli incidenti stradali sono abbastanza traumatici, tanto da far dimenticare alle persone di prendere i dati di tutti i soggetti coinvolti. Tra le parti più importanti in gioco spiccano i testimoni: questi intervengono qualora l’altra parte non ammettesse le proprie responsabilità per quanto riguarda la consapevolezza dell’incidente. Altresì, i testimoni aiutano anche a chiarire tutto ciò che riguarda la dinamica dell’incidente. Il sinistro stradale va denunciato all’assicurazione il prima possibile. Difatti, il codice di molte compagnie assicurative impone che la denuncia debba essere sporta entro un numero limitato di giorno dalla data del sinistro stradale. Nella denuncia bisogna indicare tutti i dati relativi al sinistro stradale stesso: la sua dinamica, la presenza di testimoni e così via. Ovviamente, il sinistro stradale potrebbe provocare non solo danni materiali all’auto, ma anche quelli fisici. Si potrebbero anche verificare delle situazioni in cui la persona non sarebbe in grado di fare la denuncia proprio a casa dei danni fisici subiti.

Come avviene il calcolo di risarcimento dei danni?

Il calcolo in questione varia in base a un gran ventaglio di fattori e dettagli. Il tutto viene adeguatamente valutato da un perito assicurativo, il quale si preoccupa proprio di mettere in conto i tutti diversi fattori che possono influire sul prezzo del risarcimento. Questo non riguarda i danni fisici, che invece vengono valutati solo ed esclusivamente dal centro ospedaliero in cui viene eventualmente ricoverata la persona che ha subito l’incidente. Tale risarcimento viene quantificato unicamente quando avviene la completa guarigione della persona rimasta coinvolta nell’incidente. Per i danni fisici l’assicurazione risarcisce le persone basandosi su delle tabelle. Queste tabelle indicano principalmente due dati: l’età della persona assicurato e la gravità delle ferite che sono state riportate.

Carrelli elevatori: come funzionano?

Carrello elevatore

Il carrello elevatore è un mezzo che viene utilizzato per compiere operazioni di sollevamento merci, carico e scarico di materiali e prodotti di diverso peso; talvolta questo mezzo può essere dotato di specifiche caratteristiche che lo rendono in grado di compiere determinate funzioni più di altre.
L’uso di un carrello elevatore viene in genere disposto all’interno di depositi di logistica o nel caso in cui sia necessario effettuare delle operazioni di scarico e carico merci da un dispositivo all’altro.
Un carrello elevatore è disponibile in diverse tipologie, ciascuna delle quali presenta caratteristiche particolari, ci sono infatti: carrelli elevatori elettrici o termici, carrelli retrattili, carrelli commissionatori, carrelli stoccatori e tanti altri.
Nella sua versione base il carrello elevatore possiede determinate caratteristiche quali: 3 o 4 ruote e due bracci anteriori in metallo che gli consentono la presa di alcuni oggetti pesanti o di grandi dimensioni.
Guidare un carrello elevatore potrebbe sembrare un’operazione semplice ma in realtà richiede una serie di abilità specifiche tali da utilizzarlo al meglio; affinchè ciò sia possibile è necessario conoscere come questo strumento funzioni e quali siano le sue caratteristiche principali.

Caratteristiche principali

Un carrello elevatore è un macchinario che nel corso degli anni ha subito notevoli miglioramenti e sviluppi ed è in grado di offrire prestazioni eccellenti a chiunque si approcci ai suoi utilizzi.
Essi possono essere usati solo per il trasporto di materiali e non per i passeggeri e il macchinario è costituito da tre parti principali: struttura principale, carrelliere e carrello di sollevamento.
Questi carrelli possono essere alimentati in modo diverso; si è detto che in commercio sono presenti carrelli a trazione elettrica e carrelli a trazione termica, utilizzati generalmente all’aperto.
Al di là del tipo di trazione che sottende il dispositivo è necessario che questo mezzo debba assicurare l’equilibrio longitudinale e trasversale così da garantire operazioni in totale sicurezza.
Il carico poggia generalmente sulle forche ma è importante che il suo baricentro gravi esclusivamente su un unico punto.

Requisiti specifici di sicurezza

Si è detto che una delle questioni più importanti da tener in considerazione quando si ha a che fare con l’uso di un carrello elevatore è la sicurezza. Esistono alcuni requisiti specifici che devono garantire operazioni di trasporto prive di rischi.
Affinché ciò sia possibile è necessario che venga evidenziata la portata massima del carrello, che esso sia provvisto di freni a norma, che sia stabile e soprattutto che possieda un’adeguata posizione di guida per il conducente.

Funzionamento

L’azione di un carrello elevatore è resa possibile grazie ad un propulsore posto sul retro del mezzo dove è posta anche la batteria che alimenta il carrello. I primi motori erano caratterizzati da una trazione elettrica a corrente continua che nascondevano però alcune insidie; per questo motivo, negli ultimi 10 anni si è assistito all’avvento di trattori elettrici trifase che consentono l’attivazione dei motori in fase alternata, inoltre questo moderno modello di carrello consente l’utilizzo del mezzo anche in luoghi chiusi grazie all’implementazione di specifici impianti di ventilazione.

Una volta comprese quali siano le caratteristiche generali di un carrello elevatore è possibile seguire appositi corsi per imparare a guidarli in modo sicuro.
Le rotazioni verso sinistra e verso destra avvengono mediante l’apposito volante e nel caso in cui si debbano compiere operazioni più complesse è possibile servirsi del pomello rotante posto sul volante.
Alla destra del volante è posto il quadro di accensione del mezzo, mentre per quanto riguarda il movimento in avanti e indietro del dispositivo è necessario muovere gli appositi pedali. Al fianco del posto del guidatore sono presenti 4 leve che consentono il movimento delle forche in tutte le direzioni e scegliere anche il livello di distanza tra le stesse.
Queste sono le nozioni di base necessarie per guidare in modo sicuro un carrello elevatore ma potranno essere apprese e perfezionate mediante un apposito corso di guida che consentirà l’uso del dispositivo in modo sicuro ed efficiente.

Pompe idrauliche: come utilizzarle

La pompa oleodinamica è lo strumento principale all’interno di un impianto e che permette di muovere il martinetto o anche il motore idraulico, così da poter garantire il movimento di tipologia meccanica che è desiderato, attraverso la spinta del fluido all’interno degli elementi.
Ovviamente per riuscire ad ottenere i migliori risultati possibili bisogna affidarsi ad una pompa di tipo qualitativo e tenere sempre sotto controllo le proprie, così da garantire sempre il massimo dell’efficacia e la giusta manutenzione per le sue varie componenti.

L’azienda oleodinamica Mas tratta moltissime pompe di tipologia oleodinamica, attraverso un personale altamente professionale e qualificato che si mette a completa disposizione, per riuscire a trovare la migliore soluzione e garantire il massimo della soddisfazione del cliente, così che possa scegliere la tipologia di prodotto adeguata alle proprie esigenze e ai propri lavori.

Queste pompe risultano essere uno strumento essenziale per riuscire a trasformare quella che è l’energia che viene prodotta dal motore principale, con una grossa portata di olio o di fluido, che abbia un’adeguata viscosità e comprimibilità, fornendo la dovuta spinta.
Le tipologie di pompe che vengono offerte da questa azienda sono le più svariate sia di tipologia idraulica con ingranaggi ma ci sono poi anche pompe con dei pistoni di tipo radiale, cilindrate fisse o anche a pistoni assiali, che vengono offerte anche di tipologia variabile.

Le varie tipologie di pompe offerte nel dettaglio

Una prima tipologia di pompa nella quale si può optare è quella a vite che si adatta a tantissimi sistemi di tipo oleodinamico. L’azienda è in grado di offrire sia quelle accoppiate sia quelle a motore elettrico, per un uso esterno o anche sommerso. Questa tipologia di strumento offre moltissima portata e sono degli elementi particolarmente versatili.
La seconda di tipologie di pompa è quella ad ingranaggi elicoidali, che sono particolarmente adatte per chi desidera avere pochi rumori ma comunque un’elevata efficienza. Questo viene garantito dalla forma elicoidale, che garantisce pochissime emissioni di rumore. L’azienda ne vanta di moltissime tipologie adatte per tutte le esigenze.
Vengono poi offerte le pompe con pistoni radiali a cilindrata fissa, che possono raggiungere una pressione fino ai 700 bar con diverse grandezze nominali.
Vengono poi offerte pompe ad ingranaggi interni che offrono una potenza massima di 350 bar, garantendo una vasta gamma di grandezze disponibili, così che possano soddisfare qualsiasi tipo di esigenza riguardo allo spazio.
Ci sono poi le pompe a pistoni assiali a cilindrata variabile e fissa, che possono raggiungere una pressione massima di 400 bar.
Ed infine le pompe ad ingranaggi esterni che sono quelle che offrono una portata di tipo costante, con il miglior rapporto tra la qualità offerta ed il prezzo. L’azienda offre tantissime tipologie di pompe di questo tipo, che possono garantire pressioni che arrivano fino ai 250 bar, sia in misura permanente che in quella intermittente.

Un’azienda dunque particolarmente fornita di questa tipologia di prodotti, che si adatta a tutte le esigenze attualmente presenti sul mercato, fornendo il miglior servizio di assistenza, di montaggio e di collaudo, che sapranno dare sempre e comunque fornire il massimo delle soddisfazioni.

Se si vuole quindi andare sul sicuro nell’acquisto di una pompa oleodinamica di alta qualità, l’azienda Mas oleodinamica saprà dare sicuramente le giuste indicazioni, così da poter acquistare un prodotto qualitativamente superiore visto che all’interno della sua gamma, ne sono presenti solo di altissima qualità. Essa ovviamente offre anche un servizio di assistenza particolarmente qualitativo, in grado di darci supporto costante in qualsiasi circostanza, anche quando si verificano guasti improvvisi. Il personale altamente qualificato presente, saprà sicuramente intervenire in qualsiasi situazione e riuscire ad apportare le migliori modifiche e le migliori riparazioni, così da avere il miglior servizio disponibile ed essere ampiamente soddisfatti della qualità che viene offerta, che risulta essere sempre e comunque di altissimo livello, visto i decenni di esperienza che questa azienda ha alle spalle in questo e in altri svariati ambiti, così da poter fornire sempre le migliori garanzie.

Vernice spray per pelle o vernice in tubetto

Se sei capitato qui è perché la pelle delle tue scarpe o della tua borsa o semplicemente della tua giacca o perché no del tuo divano si è leggermente scolorita ed hai bisogno di un prodotto per coprire la parte interessata, bene sei capitato nel posto giusto infatti cercheremo di scoprire la migliore vernice per pelle e la migliore vernice spray per pelle.

La vernice per pelle

Oggi potrai verniciare qualsiasi tipo di pelle direttamente tu a casa tua infatti in commercio esistono delle vernici facili da utilizzare, basta andare sul sito verniceperpelle.it ed avrai a tua disposizione un’ampia varietà di vernici della marca Angelus che potrai usare con molta facilità.
Le vernici acriliche della marca Angelus ai adattano a qualsiasi tipo di pelle dalle cinture alle scarpe, dalla borsa alla giacca da motociclista, dai portamonete ai sedili, inoltre le vernici acriliche Angelus sono prodotti di alta qualità senza odore, resistenti all’acqua facili da pulire inoltre puoi mischiare le vernici ed avere un’effetto cromato.

Come utilizzare le vernici per pelle spray o con tubetto

Come detto prima utilizzare questo tipo di vernice è molto pratico semplice e veloce, ma come ogni tipo di cosa c’è bisogno di piccole attenzioni per avere un risultato finale ottimale.
Molto spesso rinunciamo perché pensiamo che effettuare questo tipo di trattamento sia molto complicato e che sia un lavoro da professionisti, invece non è cosi è un gioco da ragazzi facile, divertente e soprattutto ti fa risparmiare tempo e denaro e soprattutto avrai un risultato finale come un professionista del settore.
Detto ciò che tu debba verniciare le scarpe, un sedile o una parte del divano, lo puoi fare direttamente tu con estrema facilità ed in maniera veloce ed efficace.
Prima d’incominciare ad usare la vernice spray oppure la vernice in tubetto per pelle bisogna trattare prima la parte interessata pulirla bene togliere tutte le parti screpolate e usare un tipo di trattamento di pre-verniciatura che consentirà alla vernice di attaccarsi e penetrare bene nel tessuto in modo da durare nel tempo, ed uno sgrassatore per pulire e togliere tutto il grasso dalla superficie, fatto ciò si può passare all’applicazione della vernice spray o in tubetto con appositi strumenti, terminare la procedura con dei prodotti adatti che permettono alla vernice di non staccarsi dando anche una sorta di protezione. Ovviamente per essere sicuri che la vernice che state per passare sia quella adatta a voi si consiglia di provarla su di un’angolo nascosto in modo da verificare che l’effetto ricevuto sia quello desiderato e non rischiare di rovinare l’oggetto.

Sul sito verniceperpelle.it trovi tutto l’occorrente per una perfetta riuscita dal pre-trattamento alla verniciatura dalle spazzole utili a pulire la superficie interessata ai pennelli di varie misure.
Quindi che dire perché buttare un’oggetto danneggiato quanto con le vernici per pelle puoi dargli una nuova vita?
Che sia una vernice a spray o in tubetto di sicuro sarà facile da utilizzare ed avrai i risultati sperati, proprio come un professionista del settore.

Come mettere su un team solido ed efficiente

Il rendimento di un team sarà soddisfacente se il team in questione raggiunge i risultati per i quali è stato ideato e creato.

A grandi linee, ogni team deve prendere in considerazione quattro fattori principali: Gli obiettivi che si vogliono raggiungere, i compiti da svolgere, le funzioni che si dovranno realizzare e i ruoli che ogni membro del gruppo dovrà interpretare.

Per fare in modo che il team sia produttivo, solido ed efficente bisogna bilanciare questi quattro fattori tra le persone che compongono il team, così che l’interazione tra i vari componenti si converta in un aspetto fondamentale dal quale dipenderà il successo.

D’altronde si sa, relazionarsi con altri non è facile e non dipende da criteri razionali.

Motivazioni, livello d’istruzione e soprattutto la personalità di ciascuno, giocano un ruolo fondamentale nell’interazione tra le persone ed è ampiamente dimostrato che un ambiente di lavoro piacevole risulta decisivo sul risultato finale.

Siccome i diversi compiti, funzioni e ruoli di un team richiedono la presenza di personalità differenti, è in molti casi necessario avere a disposizione persone diverse tra loro, con modi distinti di vedere la vita e focalizzare un lavoro.

Se si vuole ottenere il massimo rendimento da ogni singolo componente del team, dobbiamo essere disposti ad adattare le nostre richieste in base alle capacità di ognuno ed imparare a convivere con personalità differenti.

Inevitabilmente si faranno paragoni ma in molte organizzazioni esiste la tendenza a evitare la diversità perchè il credo diffuso è che le differenze non convivono pacificamente tra di loro.

Ciò nonostante, se si vuole ottenere il meglio da ogni componente del gruppo sarà necessario mettere in conto le differenze, bisognerà che ognuno si concentri su quello che sa fare meglio. Perchè è importante?

In questo modo le carenze di uno sono coperte dai punti forti di un altro membro del team; quest’ultimo ne uscirà arricchito e i membri si complementeranno in modo da funzionare correttamente, riuscendo a produrre il miglior risultato e raggiungendo nel modo migliore gli obiettivi previamente definiti.

La varietà di personalità non è un punto debole, bensì uno dei punti fermi di un team solido ed efficiente.

Come si può stabilire qual’è la personalità di ogni singolo membro del gruppo in modo da affidare a ognuno il posto più adatto alle proprie caratteristiche?

Senza dubbio il leader del gruppo deve dedicare tempo e impegno al suo team per conoscere a fondo ogni componente.

Un sistema molto utile per stabilire alla perfezione i diversi profili di personalità in base alle tendenze lavorative di ognuno è il sistema denominato DISC, un acronimo che sta per:

Dominante – Influente – Stabile – Coscienzioso.

Dominante – Quando ci sono difficoltà, la personalità dominante agisce per cambiare o controllare la situazione.

Influente – Quando ci sono difficoltà, la persona influente sa persuadere gli altri per sposare il suo punto di vista.

Stabile – Una personalità stabile è paziente e persistente, lavora per sostenere la situazione e per supportare gli altri.

Coscienzioso – Quando si incontrano difficoltà, mostra un atteggiamento cauto stabilendo regole chiare e si compromette a seguirle.

Caratteristiche di un team stabile ed efficiente

1. Avere obiettivi definiti, studiati e meditati: i componenti del team devono sapere quali compiti corrispondono a ciascuno e quali sono i loro obiettivi, in questo modo focalizzeranno tempo ed energie per raggiungere il successo e i risultati stabiliti. E’ importante analizzare e monitorare il lavoro del gruppo così da sapere se le azioni che si stanno realizzando e le decisioni che si prendono sono le corrette al fine di raggiungere l’obiettivo.

2. Chiarezza nella definizione dei ruoli: Nonostante il lavoro sia di squadra, ogni integrante deve assumere un ruolo specifico all’interno del team. Tutti i membri devono avere ben chiaro qual’è l’obiettivo così da lavorare nella stessa direzione. Inoltre, definire quali sono i ruoli ridurrà le frizioni tra i componenti del gruppo.

3. Percorso ben definito: La chiarezza del percorso da seguire assicura che ognuno sappia qual’è la strada da percorrere per raggiungere l’obiettivo, questo implica maggiore velocità di apprendimento e minore vulnerabilità al cambiamento. Una persona che sa qual’è il percorso da seguire è una persona più produttiva.

4. Buona comunicazione e buon ambiente lavorativo: Una condivisione di idee veloce e scorrevole aiuta a prendere le decisioni migliori. Una buona comunicazione è importante sia in ambito lavorativo che in qualsiasi altro contesto. Sarà importante definire quale sarà il metodo di comunicazione da seguire in modo da formare un’ atmosfera piacevole all’interno della quale risulterà più facile lavorare.

5. Fiducia e rispetto: Gli integranti del team devono aiutarsi e sostenersi mutuamente. E’ iportante ricompensare i passi avanti nel progetto, individuali e collettivi, mediante frasi incoraggianti e positive che riflettano soddisfazione per il lavoro svolto dalla squadra.

6. Partecipazione di tutti: Un rendimento alto e produttivo si può raggiungere solo quando ciascun membro del team si impegna per raggiungerlo. Il sentimento di appartenenza al gruppo, l’essere apprezzati e lottare insieme per la stessa meta, fa sì che i lavoratori siano motivati, affiatati e di conseguenza, lavorino in modo più efficiente.

 

La consulenza aziendale: perché serve alle aziende?

All’interno della struttura di un’azienda vediamo che è presente una scala gerarchica relativa ai compiti da svolgere al suo interno e una scala gerarchica che vada a definire i rapporti di dipendenza tra i suoi collaboratori.

Vediamo che la figura del consulente presente all’interno dell’azienda svolge il compito di consulente aziendale. Con la funzione di consulenza che viene svolta all’interno dell’azienda si va ad offrire un servizio di assistenza e consulenza relativi a determinati atti e progetti aziendali.

Il consulente va ad offrire la propria prestazione all’azienda attraverso una società presente sul mercato che offre servizi di consulenza, che hanno innanzitutto di andare ad assorbire gli elementi basi da parte dell’azienda relative alle sue informazioni e attraverso le conoscenze e le competenze del consulente si viene ad elaborare un servizio finale da offrire all’azienda stessa che ha richiesto il servizio.

Società di consulenza

Online troviamo la presenza di molte società che offrono servizi di consulenza alle aziende e tra di esse possiamo fare riferimento anche Saltech, società che offre servizi sul mercato da oltre 15 anni.

Tra i diversi servizi messi a disposizione dell’azienda o del singolo professionista possiamo trovarne diversi come per esempio: la sicurezza sul lavoro andando a tutelare i singoli soggetti (fisici o giuridici) sulla salute e sui luoghi lavoro; servizi relativi all’antincendio; servizi relativi al trattamento dei dati andando a rispettare il GDPR; servizi relativi all’igiene degli alimenti e alle certificazioni e tant altro.

Perché è importanti avere un consulente aziendale?

La figura del consulente è presente all’interno della struttura gerarchica (proprio come abbiamo citato sopra) la troviamo perché essa da un contributo / un valore aggiunto all’azienda.

Infatti qualsiasi azienda ne predispone la figura proprio perchè l’imprenditore per poter svolgere determinate analisi aziendali ha la cosidetta necessità di predisporre tale figura nella struttura.
Il consulente (è un soggetto che predispone di determinate conoscenze) è molto importante per la vita azienda perchè va ad elaborare dei progetti economici e finanziari utili per poter raggiungere ad ogni fine periodo un determinato utile per il soddisfacimento degli obiettivi aziendali.

La figura del consulente aziendale però non va confusa con la figura del commercialista che ogni anno tiene la resa dei conti aziendali sostenuti nell’anno precedente (ovvero va a redigere i libri contali e i vari conti di entrate ed uscite), mentre la figura del consulente offre servizi all’impresa tenendo in considerazione l’anno corrente cioè di operazioni da effettuare nel presente.

Attraverso le operazioni che vengono emesse da parte del consulente per l’azienda permette ad essa di andare ad adottare una strategia ben precisa, andando a consigliare anche gli investimenti (positivi o negativi) siano più adatti e da poter attuare per raggiungere l’obiettivo aziendale.

Quindi da ciò si può dedurre che il consulente può essere definito anche come consigliere dell’azienda perché permette attraverso una propria analisi di mettere a disposizione dell’azienda tutte le informazioni necessarie per poter prendere delle decisioni in merito alle diverse situazioni che si presentano.

Consulenza aziendale

Con il termine consulenza si prevede che un determinato soggetto definito consulente offre un pacchetto completo relativa alla consulenza perché quest’ultima categoria di servizi che vengono messi a disposizione prevedono un raggruppamento di consulenze specifiche e settoriali che sono rivolte non solo alle aziende ma anche a enti pubblici.

Viene definita consulenza aziendale proprio perché il servizio cioè la prestazione del consulente non viene eseguita nei confronti di una persona fisica ma bensì nei confronti di una persona giuridica. Questa precisazione viene fatta perché in quest’ambito persone fisiche e persone giuridiche vengono trattati diversamente ognuno gode della fruizione ovvero di poter disporre di determinati servizi che vengono messi a disposizione da parte del consulente.

Società di consulenza

Come abbiamo già detto ed indicato, il consulente (spesso e volentieri) fa parte di una società di consulenza che forniscono al mondo esterno servizi da mettere a disposizione dell’azienda (come persona giuridica) oppure a persone fisiche definite anche committenti avvalendosi della capacità del problem solving.

Possono essere definite come società di consulenza anche strutture che hanno pochi impiegati che offrono tali servizi oppure quando i servizi di consulenza non vanno ad abbracciare tutti i rami e quindi sono specializzati in determinati settori.

Queste società sono iniziate a crescere di più sul mercato a partire dagli anni 2000 con l’introduzione della NEW ECONOMY e della diffusione di internet con le tecnologie informatiche.

Possiamo fare l’esempio di alcune società di consulenza che sono importanti sul territorio italiano e possiamo ricordare Deloitte & Touche, Accenture, Reply, Kpmg, American Appraisal, Boston consulting group, Booz & Company, Bain & Company, Engineering, Gruppo Altran, Sia Partners e tante altre ancora.