You are here: Home » Contatti

Contatti

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetto l'informativa sulla privacy (richiesto)

 

  • 15 Apr 2017

    R.A Lattoneria: i professionisti di tetti e coperture Treviso

    Il tetto non è solo ciò che ripara la casa dalle intemperie e racchiude l'ambiente domestico proteggendolo, ma anche un elemento architettonico di grande importanza per la resa estetica dell'abitazione.
  • 17 Mar 2017

    Massaggi a Pordenone? Ecco dove andare!

    L'antica arte del massaggio viene sfruttata con successo ai giorni nostri per ripristinare l'equilibrio tra mente e corpo che viene meno a causa dei ritmi frenetici della vita moderna. Quante volte desideriamo un buon massaggio, a termine della giornata, per alleviare il senso di fatica e rilassarci, dimenticando i problemi per un po'? Una buona pausa massaggio può garantire molti benefici, tra i quali una migliore capacità di concentrazione e un'energia rinnovata. Ma vediamo nel particolare come un massaggio professionale può aiutare il nostro corpo e la nostra mente.

    Corpo e mente finalmente uniti

    L'equilibrio psicofisico è fondamentale per affrontare al meglio le sfida che ogni giorno la nostra vita ci pone. Dall'ambito lavorativo a quello famigliare, passando per le prestazioni sportive e addirittura quelle sessuali, il massaggio può ravvivare la nostra vita sotto molti aspetti. Per esempio, aiutandoci a riconnettere anima e corpo. Infatti i momenti dedicati al massaggio possono rilassare i nervi e aiutarci a riprendere controllo delle nostre emozioni e sensazioni. Una buona capacità di leggere le nostre emozioni psicofisiche può tornarci utile in tanti casi: Avete notato che spesso, anche quando andate a letto presto, vi sentite tesi e stanchi, nonostante le ore di riposo? Questo accade perché nonostante la nostra mente sia assorta nel mondo onirico, il nostro corpo è ancora attanagliato dalle pressioni che a livello muscolare, non controlliamo. La pratica del massaggio può aiutare a riguadagnare controllo e a unire l'aspetto fisico a quello mentale. Una volta imparato a controllare lo stato di rilassamento dei muscoli, anche il risposo sarà di migliore qualità. Allo stesso modo il massaggio può aiutare nella ricerca della concentrazione: un corpo disteso lascia più spazio alla mente e alle energie. Alleviare lo stress tramite un buon massaggio professionale può migliorare la qualità delle prestazioni lavorative e della produttività, nello studio come in ufficio.

    I migliori centri massaggi di Pordenone

    PagineSì ha selezionato per voi i migliori centri massaggi Pordenone, prestando attenzione alla qualità del servizio svolto. Per chi è in cerca di un massaggio nella zona di Pordenone, i numerosi centri dedicati alla massoterapia sono l'ideale. Pordenone infatti si presenta come la capitale del massaggio orientale. Centri come il Centro Massaggi Orientali di Wen Changxing trattano infatti un approccio olistico mente-corpo, specializzandosi in massaggi di tipo tantrico a livello di riattivazione energetica: questo tipo di massaggio molto apprezzato e in voga negli ultimi anni può rivitalizzare mente e corpo, andando ad attingere a quelle energie vitali sopite che necessitano di essere allenate e risvegliate. Un altro centro leader nel settore del massaggio orientale è il Centro Massaggio Sole, una spa del benessere che offre massaggi orientali ayurvedico e tantrico, oltre che il più classico Shiatsu, con l'obiettivo di offrire al cliente un'atmosfera di relax ottimale: gli operatori professionisti e specializzati del centro operano sempre in un'ottica di ripristino dell'equilibrio naturale tra mente e corpo.
  • 21 Oct 2015

    Evviva i vini italiani

    Si sta concludendo in questi giorni la vendemmia e  contemporaneamente stanno uscendo le guide dei vini che presentano i migliori vini secondo la critica. Il vino italiano è dunque all’attenzione anche perché è appena uscita la notizia che a quantità prodotta di uva da vino ormai abbiamo superato la Francia e siamo i primi produttori mondiali. È chiaro che il discorso sulla qualità è molto diverso, e se pur in Italia sono stati fatti passi da gigante rispetto alla terribile crisi delle falsificazioni che scoppiò negli anni 70, la qualità e specialmente la fama e l’immagine dei vini francesi sono inarrivabili.
  • 29 Aug 2016

    Le composizioni floreali più indicate per un matrimonio rock

    Non tutte le coppie sognano un matrimonio dalle atmosfere fiabesche e romantiche: per alcune future spose infatti il principe azzurro non è quello che arriva sul cavallo bianco, ma quello che si presenta sotto casa guidando una Harley Davidson. Allo stesso tempo alcuni futuri sposi, pensando ad una serenata romantica, iniziano a fischiettare una canzone dei Metallica. Ultimamente coppie dello star system nazionale e internazionale hanno sdoganato il matrimonio glam-rock e hanno deciso di non seguire i canoni tradizionali: per rendersene conto basta dare un'occhiata alle foto delle nozze decisamente dark dei bellissimi Laura Chiatti e Marco Bocci. Perchè un matrimonio risulti ben riuscito, deve rispecchiare i gusti degli sposi e se la loro anima è rock, allora anche lo stesso matrimonio deve essere rock!

    Matrimonio glam-rock: l'importanza degli addobbi floreali

    Abbiamo detto che il matrimonio deve rispecchiare i gusti degli sposi, in modo di permettere sia alla coppia, sia agli invitati di sentirsi a proprio agio e vivere al meglio questo momento di festa. Tuttavia non bisogna dimenticare che si sta partecipando ad una cerimonia e che le nozze saranno ricordate dai futuri sposi come il giorno più bello della propria vita: è giusto quindi che l'atmosfera sia familiare e spontanea, ma ogni matrimonio richiede che vengano rispettate certe regole di etichetta ed eleganza. Le coppie che decidono di organizzare il proprio matrimonio a Pescara in stile rock non devono trascurare quei tocchi glam che renderanno davvero unico il loro giorno speciale. In particolare bisogna prestare molta attenzione agli addobbi floreali, che devono comunque sottolineare l'importanza del momento di festa e felicità. Forse ancora di più rispetto ad un matrimonio tradizionale o shabby-chic, l'allestimento degli ambienti scelti per celebrare delle nozze fuori dagli schemi deve prevedere un'abbondanza di composizioni floreali che contribuiscono a rendere l'atmosfera allegra e frizzante. Se l'importanza del momento della cerimonia, sia essa religiosa o laica, prevede comunque una certa sobrietà, la location scelta per il ricevimento in stile rock deve trasformarsi in una sorta di giardino dell'Eden, florido ed esplosivo. Non c'è limite al colore, alla fantasia e alla spontaneità per quegli sposi che non vogliono rinunciare a sentirsi se stessi e ad esprimere la propria originalità nel giorno in cui iniziano un nuovo cammino insieme.

    Il bouquet ideale per la sposa rock

    La sposa rock è la sposa anticonformista per eccellenza: alla regola imposta preferisce la spontanea trasgressione, ai discorsi cerimoniosi preferisce un brindisi e una sonora risata. Il bouquet ideale per una sposa rock abbandona le tradizionali nuances pastello e le tonalità del bianco per riempirsi di colori vivaci: la composizione floreale diventa una tavolozza variopinta, un'esplosione di luce e vitalità. Se la tradizione vuole che il fiore simbolo del matrimonio sia la rosa, preferibilmente piccola, bianca o dalle delicate velature color pastello, un matrimonio anticonvenzionale è ben rappresentato da fiori insoliti e dai colori vivaci e, perchè no, da verdure. I colori caldi diventano i protagonisti delle composizioni floreali: le nuances variano dal giallo al rosso, passando per l'arancione; le spose che non rinuncerebbero mai ai toni del blu o dell'azzurro per il proprio bouquet possono invece optare per la scelta molto attuale di far colorare artificialmente i fiori di una tonalità verdeacqua accesa, brillante e decisamente di tendenza.

    Come deve essere composto quindi il bouquet perfetto per una sposa rock?

    Ecco alcuni suggerimenti
    • Sì alle rose, ma solo se di grandi dimensioni, possibilmente blu o azzurre e avvolte da un tulle sgargiante e voluminoso.
    • I colori che meglio si addicono ad una sposa rock sono quelli caldi: l'arancione è allegro e vivace, il rosso ricorda la passione
    • Per la sposa che vuole osare si consiglia un bouquet composto da sole sterlizie: elegantissimo ed eccentrico come una scultura contemporanea
    • La sposa fuori dagli schemi al tradizionale bouquet di fiori preferisce un più estroso e simpatico bouquet di verdure. Le possibilità di scelta sono molteplici e l'effetto visivo è assicurato: si va dal carciofo, al cavolfiore infine allo sfizioso peperoncino.
    Il bouquet composto da peperoncini è una macchia di colore allegra e simpatica che sa farsi notare e apprezzare pur non risultando eccessiva.
  • 22 Jun 2017

    In attesa del Gp dell'Azerbaijan, in Formula 1 tiene banco il futuro di Alonso

    La Formula 1 si prepara al GP dell'Azerbaiijan, ma a tenere banco non è soltanto la serratissima lotta per il Mondiale Piloti e Costruttori, ma anche il futuro di alcuni piloti attualmente nel circus, tra cui in particolare quello di Fernando Alonso, uno dei volti più importanti della Formula 1 degli ultimi 15 anni.

    Alonso e McLaren al passo d'addio?

    Non è un segreto per nessuno in Formula 1 che Fernando Alonso e la McLaren siano ai ferri corti. Il pilota spagnolo sperava di avere una macchina competitiva quest'anno ed invece si ritrova costretto costantemente nelle retrovie, con il GP dell'Azerbaiijan che sarà quasi certamente l'ennesima gara in cui il 2 volte Campione del Mondo si ritroverà a fare da comparsa. Il pilota spagnolo ha fatto chiaramente capire che il suo tempo alla McLaren è ormai scaduto, affermando che se nel 2018 non riuscirà a trovare un top-team capace di garantirgli la possibilità di combattere per conquistare per la terza volta in carriera il titolo di Campione del Mondo, si troverà costretto ad abbandonare la Formula 1 e a guardare altrove, precisamente all'Indycar. Ma quale potrebbe essere il futuro prossimo di Alonso? C'è ancora spazio per lui in Formula 1?

    Difficile un approdo in un top-team

    Fernando Alonso si sta preparando al GP dell'Azerbaiijan con la consueta concentrazione, ma senza dubbio sta anche pensando al suo futuro, che vorrebbe fosse ancora in Formula 1. Tuttavia la Red Bull ha da tempo rinnovato i contratti ai propri piloti e un approdo in Mercedes o un ritorno in Ferrari appaiono possibilità decisamente remote, anche se Bottas da un lato e Raikkone dall'altro hanno il contratto in scadenza alla fine dell'attuale stagione. Tuttavia, anche se teoricamente l'ingaggio di Alonso da parte di una tra Mercedes e Ferrari potrebbe concretizzarsi, non pare oggettivamente plausibile uno scenario in cui la casa anglo-tedesca decida di ricomporre la coppia Hamilton-Alonso, già scoppiata ai tempi della McLaren. Allo stesso modo sembra difficile che Vettel possa accettare di avere come compagno di squadra un Alonso pronto a tutto pur di vincere il titolo e inoltre c'è da considerare il fatto che il pilota spagnolo e la Rossa non si sono lasciati particolarmente bene.

    Alla fine l'unica opzione rimane la McLaren

    Nel paddock, mentre si discute su come potrebbe svilupparsi il GP dell'Azerbaiijan, comincia a farsi strada una voce, ovvero quella che l'unico modo per vedere ancora Alonso in Formula 1 sia quello di una McLaren motorizzata Mercedes. Secondo alcuni la scuderia di Woking starebbe trattando con la casa tedesca per tornare a collaborare e i tecnici sono convinti che con una motorizzazione Mercedes la macchina sarebbe assolutamente competitiva. Visto che i top team di Formula 1 non sembrano intenzionati a cambiare le proprie line-up, ecco che allora Alonso sembra davvero avere, come ultima possibilità per rimanere in Formula 1, quella di una McLaren che chiude il rapporto con Honda e si affida alla casa tedesca. Ad ogni modo bisognerà aspettare il 2018 ed al pilota iberico non resta che continuare a pensare al proprio futuro, preparandosi nel frattempo al meglio al GP dell'Azerbaiijan, prossima tappa di un Mondiale di Formula 1 che finora non lo ha mai visto lottare per la vittoria o almeno per un piazzamento sul podio. Fonte: Formula 1: tutte le news Sky
  • 28 Feb 2017

    Incidente all'estero, cosa si deve fare

    Quando si parte per un viaggio, ovviamente, si parte carichi di entusiasmo, con la voglia di conoscere e scoprire, di divertirsi e trascorrere delle giornate liete. Ovviamente non si va di certo a pensare che durante il viaggio possa capitare qualcosa, così come è ovvio augurarsi che non accada mai, tuttavia è opportuno per lo meno ipotizzare condizioni di difficoltà che possono insorgere in seguito a un incidente all'estero, magari anche banale, ma che se non si sanno affrontare non solo possono far scaturire complicazioni, ma possono anche rovinarci la vacanza. Di quel viaggio conserveremmo solo un brutto ricordo associato a quanto accaduto di negativo. Invece, se si sa come muoversi, per lo meno si può contenere il danno e almeno vivere bene la vacanza.

    Incidente stradale area europea

    incidente all'estero, come ottenere il risarcimento danniIniziamo subito col dire che in caso di sinistro stradale all'estero ottenere l'indennizzo è possibile, ma comporta un bel dispendio di energie in quanto la burocrazia non è proprio agevole. Partiamo quindi dalla prima ipotesi, quindi sinistro stradale in area europea con veicoli facenti parte di tale area, poniamo il nostro veicolo immatricolato in Italia e un veicolo immatricolato in Germania, giusto per fare un esempio. Come faremmo in Italia occorre prendere tutti i dati ed eventualmente compilare il modulo blu, una sorta di CID europeo, inserendo i dettagli della dinamica del sinistro, targa dell'auto coinvolta, intestatario del mezzo, numero di polizza, se poi si scattano delle foto è ancora meglio, così come se si trovano eventuali testimoni. Per ogni assicurazione estera c'è un mandatario in Italia, per trovarlo si deve inviare un Fax o una mail all'ISVAP, Centro di Informazioni o al Consap. Se invece l'auto estera fosse immatricolata in uno stato diverso da quello in cui è avvenuto il sinistro, quindi poniamo che nel caso preso a esempio il sinistro sia avvenuto in Spagna, si invia la richiesta di risarcimento al Bureau del Paese in cui è avvenuto il sinistro.

    Incidente con auto non appartenente all'area verde

    Se invece il sinistro dovesse capitare in un Paese che non fa parte dell'area verde, ovvero non appartenente all'area europea, la procedura cambia. Poniamo che il sinistro avvenga in Egitto con un veicolo immatricolato lì stesso, in questo caso si dovrà fare richiesta di risarcimento direttamente all'assicurazione del mezzo coinvolto. Se il mezzo non è immatricolato nel Paese dove è avvenuto il sinistro, quindi poniamo in Marocco, allora, ci si deve rivolgere al Boureau del Marocco. In ogni caso è possibile reperire informazioni dettagliate presso il Consolato italiano del Paese in cui è avvenuto il sinistro.

    Ottenere il risarcimento è complicato?

    Sì, non è una passeggiata, immaginate cosa accade in Italia, per esempio quando non ci si riesce a mettersi d'accodo sulle dinamiche dell'incidente. Immaginate ora cosa potrebbe accadere se non vi fosse un accordo tra le due parti coinvolte in un sinistro stradale all'estero, aggiungendo poi la complicazione derivante dalle diverse lingue parlate. Insomma, grattacapi che sarebbe bene affidare a un legale esperto in risarcimento danni per potersi godere il resto della vacanza senza ulteriori pensieri e lasciare che sia lui a sbrigare tutte le pratiche.