Archivi tag: integratori bustine

Integratori alimentari: cosa sono

Al giorno d’oggi, sono molti a consumare integratori alimentari. Ma pochi sanno cosa sono davvero queste sostanze e come vanno dosate. In questo articolo scopriremo tutto quello che c’è da sapere su di loro e ne promuoveremo un uso consapevole.

Gli integratori alimentari sono prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta. Essi rappresentano una fonte concentrata di sostanze nutritive, come le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate.

Di solito, si possono comprare gli integratori sotto forma di pastiglie e capsule. Ma sul mercato esistono anche integratori in bustina e in polvere, che sono più facili da assumere e hanno un gusto più gradevole. Questi, quindi, sono adatti anche ai bambini, che spesso tendono a non voler assumere nulla che non abbia un buon sapore. Gli integratori in bustina, comunemente, sono insaporiti con gusti di frutta.

Integratori alimentari: cosa non sono

Per fare un uso corretto degli integratori alimentari, è utile sapere non solo cosa sono, ma anche cosa non sono. Gli integratori alimentari non sono farmaci. Questo deve essere scolpito chiaramente nella mente di chi ne fa uso. Questi prodotti fanno parte dei prodotti alimentari, quindi non hanno nessuna validità terapeutica. Essi possono aiutare nella regolazione dell’organismo o nell’osservanza della dieta, ma non curano nessuna patologia. Chi sostiene il contrario o è un cittadino in buona fede ma male informato, o è un ciarlatano alla ricerca di clienti per i suoi prodotti. Di questi bisogna diffidare sempre, poiché sono molto presenti in rete e propinano prodotti definiti speciali, ma in realtà privi di certificazioni di sicurezza e pericolosi.

Come assumere in modo corretto gli integratori alimentari

Sul mercato ci sono moltissimi integratori, con ingredienti diversi e più o meno naturali. TRa gli integratori più comuni ci sono quelli alla spirulina. Potete scoprire nel nostro articolo dedicato agli integratori alla spirulina quali sono i loro benefici. Tuttavia, è sempre importante sapere come vanno assunti in modo corretto.

L’impiego degli integratori, perché sia sicuro e apporti degli esiti soddisfacenti, richiede la conoscenza del loro funzionamento e delle loro proprietà. Inoltre, l’assunzione degli integratori deve avvenire sempre in modo consapevole ed informato. Per questo motivo, è una buona prassi quella di chiedere consiglio al medico o al farmacista, che sapranno consigliare il giusto integratore per ogni circostanza e informare sui suoi rischi e i suoi benefici.

In aggiunta a quanto già detto, occorre sempre tenere a mente che:

  • gli integratori non sono assolutamente dei sostituti di una dieta varia ed equilibrata né di uno stile di vita sano. Queste cose devono esistere indipendentemente dall’assunzione degli integratori;
  • non è consigliato assumere diversi integratori insieme perché alcune sostanze potrebbero avere una reazione avversa tra loro;
  • l’uso degli integratori non è rivolto a tutti, ma solo a coloro che sono particolarmente fragili e vulnerabili. Per esempio, bambini sottopeso, prematuri o donne in fase di allattamento; non a sportivi in perfetta salute;
  • acquistare integratori via internet o tramite persone che non vendono prodotti in un negozio fisico è poco raccomandabile. Il traffico dei farmaci contraffatti, infatti, contagia anche gli integratori e porta sul mercato prodotti senza garanzie di sicurezza;
  • non è consigliata l’assunzione di integratori per tempi molto lunghi o oltre quelli consigliati sul foglietto illustrativo del prodotto o sulla stessa confezione;
  • in caso di effetti indesiderati, o inattesi, bisogna sospendere l’assunzione e informare il medico o il farmacista. La sospetta reazione avversa può essere segnalata, via fax, da cittadini e operatori sanitari, al sistema di fitosorveglianza dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).